LOGO QFM

lib1e

MARC


MARC (Modellamento, Azione, Riflessione, Condivisione) è una sigla che indica una metodologia circolare teorico-pratica focalizzata sull'interazione maestro-bambino e che integra caratteristiche del Lesson Study e del Microteaching. Ci si avvale della videoripresa di una breve azione didattica condotta da un tirocinante e successivamente riesaminata dal tirocinante stesso, dagli altri tirocinanti e dai Tutor. Si  assume che la videoregistrazione e il successivo riesame di un intervento didattico effettuato a scuola possano favorire consapevolezza e capacità di orientarsi verso comportamenti didattici di migliore qualità e di maggiore efficacia. Lo scopo in senso più generale è anche di contribuire ad una più diffusa cultura della trasparenza sulla didattica in aula e al suo raccordo con modelli di buone pratiche scientificamente accreditate.

Dall'a.a. 2015/16, dopo quattro anni di sperimentazione, il MARC è stato inserito come obbligatorio per tutti i tirocinanti del III e IV anno di tirocinio (T3 e T4) del CdS in Scienze della Formazione Primaria dell' Università di Firenze.  Il momento del video (necessariamente breve per ragioni tecniche)  va considerato come conclusione, a scopo documentativo, di un processo sistematico di osservazione e riflessione sulla attività didattiche che viene iniziato dal primo anno nei diversi contesti di apprendimento e attuato in modo sistematico includendo anche momenti di reciprocità tra Tutor Scolastico e tirocinante. 

 Il MARC ha una natura ricorsiva e si articola nelle seguenti fasi:

  • Modellamento - avviene nel contesto universitario; il tirocinante riceve l’input metodologico preliminare e viene guidato nell'analisi di video di comportamenti didattici
  • Azione - il tirocinante effettua l’intervento didattico a scuola; tale intervento viene videoregistrato
  • Riflessione - il video viene esaminato dallo studente stesso che lo ha realizzato
  • Condivisione - il video viene riesaminato nel contesto universitario, nel gruppo dei pari, con 
la supervisione del Tutor Universitario 

Intorno a questa cornice di riferimento sono stati messi a punto strumenti di osservazione (vedi la Scheda di analisi video) da considerare  tuttavia come suggerimenti adattabili nei diversi contesti osservati, a seconda del tipo di osservazione da attuare (più globale o analitica). La ricerca dei video-modelli (rappresentazione di buone pratiche, principalmente ricavabili da YouTube) va considerata come un processo destinato a continui aggiornamenti data la velocità con cui si arricchisce il materiale documentario di qualità reperibile in rete.
Sulle problematiche  teoriche dell'osservazione/valutazione del comportamento didattico si rimanda alla letteratura che ha accompagnato la sperimentazione del MARC. L'approccio si lega anche alla ricerca di modelli di didattica efficace, basati su evidenze (per questo aspetto vedi il sito della S.A.p I.E. - Società per l’Apprendimento e l’Istruzione informati da Evidenza - www.sapie.it). Problemi strutturali per il mantenimento del modello nel tempo riguardano il sostegno istituzionale, la cura alla conservazione della memoria della expertise acquisita attraverso il ricambio generazionale degli educatori (TS e TU) nonché, sul piano tecnico, la cura alla conservazione e ri-uso a fine didattico dei materiali documentari (video e documenti cartacei) dei tirocinanti in appositi repository (maggio 2016).

Vedi una presentazione sul MARC (PDF): MARC: DA PROGETTO A MODELLO (aggiornata al 18/10/2016)